LA STORIA DELL’ACCONCIATURA

( misure cm. 21 X 29 , estendibili )

La serie delle immagini, raffiguranti le acconciature dei capelli nelle donne attraverso i secoli, sono state esposte nella mostra organizzata presso la Fiera di Roma in occasione del “ Beauty Expo”, stampate in serie limitata monocromatica color seppia.
I disegni rappresentano le acconciature  più significative apparse  nel corso delle epoche, infatti i capelli secondo fogge tradizionali, oltre a rispecchiare il vario gusto dei popoli, hanno un preciso significato etnico, sessuale e sociale, variando anche a seconda del sesso e dell’età dell’individuo, del suo stato civile e del grado che occupa nella società. Gli antichi Egizi usavano anche coprire il capo con un rettangolo di stoffa ( Amenemhat III Faraone della XII dinastia 1.800 a.C. ), i Mesopotamici si arricciavano i capelli in ondulazioni orizzontali in contrasto con l’arricciatura verticale delle barbe ( Hammurabi Re di Babilonia 1.750 a.C. ).

Molto eleganti erano le pettinature delle donne greche ( Venere Capitolina copia romana di scultura greca del II sec. a.C. ), moda che importarono i Romani che fino al III sec a.C. non praticavano, non a caso i primi parrucchieri venivano dalla Magna Grecia appena conquistata ( Messalina moglie dell’Imperatore Claudio 48 d.C. )

Nel medioevo la morale religiosa imponeva costumi rigorosi che hanno influito sullo stile delle acconciature dove le donne avvolgevano intorno al capo drappi che nascondevano le chiome.Solo in epoca feudale le signore dell’aristocrazia preferiscono le trecce o portano pettinature guarnite con fermagli, diademi e non di rado adornate di fili di perle.

Verso la fine del ‘300 per le donne di famiglia nobile comparve il “balzo”, un’acconciatura simile ad un cuscinetto nel quale i capelli venivano legati con nastri e fili d’oro.

Nel ‘500 si diffonde la moda di raccogliere i capelli in una reticella ( Beatrice D’Este moglie di Ludovico Sforza, 1.475 – 1497 ) per trasformarsi nel secolo successivo in qualcosa di eccessivo, addirittura le donne erano giunte a contenere nelle acconciature oggetti quali modellini di vascelli o cestini di fiori.

Con la rivoluzione Francese, che elimina tutte le forme sfarzose, i capelli tornano alla loro semplicità dove sono spesso coperti da una cuffia.Il sec. XX apporta un netto cambiamento con la novità del taglio corto indicando una svolta  etica e morale, anche grazie all’evoluzione tecnica con l’introduzione della “permanente” che permetteva di arricciare o gonfiare l’acconciatura a proprio piacimento. Poi negli ultimi decenni del secolo vennero i capelli cotonati, a caschetto, lunghi, ondulati di ogni colore e forma .

Assiro Babilonese

Egitto: Amenemhet III

Grecia: Venere Capitolina

Roma: Messalina

Seconda Metà sec. XV

Beatrice d’Este 1490

Sec. XV

La bella di Tiziano – 1530

1830

Contessa di Mausonville

1912

1940

1952

1990

 

Cav. Arch. Stefano Rogo

Via Mario Menichini, 28
00135 Roma

Mobile: 3391873595
Fisso/fax: 0630360962
Mail: stefano.rogo@alice.it

3 + 9 =

Translate »