I RIONI DI ROMA 

(l’insieme cm. 35 X 28 – singolo cm. 25 X 18)

La serie di stampe sugli stemmi dei Rioni di Roma è stata eseguita da matrici d’epoca disegnata a mano libera con inchiostro e grafite. La ripartizione di Roma risale all’epoca di Augusto che la divise in 14 Regioni circoscritte dalle mura aureliane. Rione è un termine tipico romano e deriva da “regio“ o regione. L’amministrazione ecclesiastica riportò il classico ordine dei rioni e ne fece 7 di 14 e ad ognuno propose un notaio, un diacono, un suddiacono e un sacerdote. Nel 1158 la città risulta divisa in 12 Rioni amministrativo-militari, quando la “militia” romana era divisa in 12 bandiere. Dal XV sec. in poi  non se ne contano che 13 fino al pontificato di Sisto V, che nell’anno  1586 riconoscendo una situazione di fatto, istituisce il 14° Rione staccando BORGO  da PONTE. Con Benedetto XIV nel 1743 si fissano i confini definitivi e i Rioni ripresero gli ordini e i nomi storici. Questa situazione rimane fedele fino 1l 1870, per variare nel 1874 con l’annessione del 15° Rione ESQUILINO. Tra il 1881 e il 1888 al 14° Rione Borgo è aggiunto il territorio suburbano di PRATI e CASTELLO.

 Nell’anno 1921, infine si giunge ad avere la suddivisione in 22 Rioni, la stessa che è arrivata fino ad oggi:

1. MONTI

2. TREVI

3. COLONNA

4. CAMPOMARZIO

5. PONTE

6. PARIONE

7. REGOLA

8. S. EUSTACHIO

9. PIGNA

10. CAMPITELLI

11. S. ANGELO

12. RIPA

13. TRASTEVERE

14. BORGO

15. ESQUILINO

16. LUDOVISI

17. SALLUSTIANO

18. CASTRO PRETORIO

19. CELIO

20. TESTACCIO

21. S. SABA

22. PRATI

 

Cav. Arch. Stefano Rogo

Via Mario Menichini, 28
00135 Roma

Tel: 3391873595
Mail: stefano.rogo@alice.it

13 + 6 =

Translate »